Primo stop casalingo: la Virtus Romagna espugna 7-4 il PalaPellini

Il Perugia si arrende nel big match della tredicesima giornata e perde la propria imbattibilità interna. Al PalaPellini fa festa la Virtus Romagna, capace di imporsi 7-4 al termine di una sfida scoppiettante.

Primo tempo – Inizia subito in salita la partita delle biancorosse: dopo i primi minuti di studio, uno-due micidiale delle ospiti. Il gol del vantaggio virtussino arriva da palla inattiva con un tocco ravvicinato di Falcioni; il raddoppio nasce da una azione rapida che trova impreparata e sbilanciata la difesa perugina, con Berti che non perdona Ricottini. Le padrone di casa non mollano: il primo vero squillo arriva con Lombardelli, che fa tutto da sola e trova il terzo gol in campionato. Scatenata la numero 9 perugina. Le emozioni non finiscono perché la Virtus non ci sta e si riporta nuovamente avanti di due reti. Il Perugia gioca a sprazzi, non sembra trovare continuità. Ci pensa Pezzolla a riaprire la partita: dopo il tentativo di tacco di Uli e la risposta di Faccani, la 11 biancorossa scaraventa la palla in porta.

Secondo tempo – Il match riparte subito a mille: le due compagini non si risparmiano, i ritmi sempre alti rendono la partita vivace e aperta. Il Perugia ci prova: Lombardelli cerca la doppietta, la Virtus incassa i colpi e riparte in contropiede. In uno dei momenti migliori della squadra di Abati, arriva il gol del 2-4 per le ospiti: Catamerò termina a terra, l’arbitro non fischia e, sulla ripartenza, Mencaccini cala il poker. Il Perugia non molla la presa: una super Pezzolla trova ancora il gol e riaccende le speranze. Abati chiama il time out, non viene accontentato e, pochi istanti più tardi, si concretizza il 3-5 di Cremonesi. Le biancorosse ci provano con il portiere di movimento, ma vengono punite da Berti. Pezzolla ha l’opportunità di accorciare le distanze, ma, dal dischetto del tiro libero, calcia fuori. Un autogol di Insinna sembra riaprire il match, ma, a 91’’ dalla sirena, arriva il colpo del definitivo 7-4 firmato da Falcioni.

PERUGIA-VIRTUS ROMAGNA 4–7 (2-3 p.t.)
PERUGIA: Ricottini, Donati, Pezzolla, De Oliveira, Pedace
, Toth, Catamerò, Mastrini, Lombardelli, Tosi, Castagnoli, Baglioni. All. Abati Marco

VIRTUS ROMAGNA: Faccani, Mencaccini, Cremonesi, Berti, Falcioni, Maraldi, Monaco,Insinna, Guidi, Giuva. All. Imbriani Alessandra

MARCATRICI: 3’38” p.t. Falcioni (VR), 6’13” Berti (VR), 10’07” Lombardelli (P), 11’40” Cremonesi (VR), 15’02” Pezzolla (P), 9’17” s.t. Mencaccini (VR), 12’20” Pezzolla (P), 13’03”Cremonesi (VR), 13’51” Berti (VR), 15’06” aut. Insinna (P), 18’29” Falcioni (VR)

AMMONITE: Mencaccini (VR), Lombardelli (P), Abati (P), Cremonesi (VR)

ARBITRI: Angelo Ricci (Viterbo), Luca Moscone (L’Aquila) CRONO: Andrea Cini (Perugia)